Studio legale Bisconti Merendino - Palermo

Richiesta copie verbale incidente stradale mediante PEC.

Con la Circolare 2 settembre 2011, n. 7138 il  Ministero dell’Interno ha chiarito che l’accesso agli atti si può concretizzare in vari modi: mediante visione diretta degli originali presso gli uffici; la trascrizione del loro contenuto; l’acquisizione di una copia.

Quest’ultima modalità, con estrazione di una copia informale, è quella adottata in prevalenza e genera un rilevante carico di lavoro per ogni Ufficio Incidenti della Polizia Stradale.

Al fine di ridurre tale impegno, è necessario che gli Uffici e i Reparti dipendenti comunichino ai soggetti interessati (in particolare, i rappresentanti delle società di assicurazione e degli studi legali, i periti , gli investigatori privati, ecc.) la possibilità di presentare agli uffici della Polizia Stradale la richiesta di copia informale degli atti utilizzando la Posta Elettronica Certificata (PEC), di cui sia gli Uffici della Specialità sia tali soggetti sono ormai dotati.

La richiesta sarà, di conseguenza, evasa attraverso l’invio di un file in formato PDF contenente gli atti precedentemente scannerizzati con tempi di trattazione notevolmente ridotti rispetto a quelli necessari a garantire l’estrazione della copia in formato cartaceo.

In tal modo, la ricezione e la trasmissione dei documenti in forma elettronica sostituirà quella in formato cartaceo, salvo i limitati casi di richieste inoltrate da soggetti che non dispongono della PEC.

Gli Uffici e i Reparti dipendenti, ricevuta la richiesta tramite PEC, verificheranno, come già avviene, la legittimazione del richiedente, soggetto cui è riconosciuto il diritto di accesso perché vanta l’interesse per la tutela di situazioni giuridicamente rilevanti.

Dovrà, inoltre, essere verificato che l’incidente non abbia assunto rilevanza penale (mortale o con lesioni per le quali è stata sporta querela), caso nel quale la richiesta dovrà essere corredata anche del nulla osta da parte dell’ Autorità Giudiziaria.

Se la richiesta proviene da soggetti terzi rispetto all’evento infortunistico (avvocati, investigatori privati, ecc.), la stessa dovrà essere corredata da delega rilasciata dall’interessato e dalla copia di un suo documento d’identità.

Sussistendo le condizioni di legge per il rilascio della copia degli atti, l’ufficio che custodisce il fascicolo del sinistro provvederà ad elaborare un file in formato PDF contenente gli atti scannerizzati, per l’invio con PEC al soggetto richiedente.

Condivi su...Share on FacebookTweet about this on Twitter
Questa voce è stata pubblicata in Postille. Contrassegna il permalink.