Studio legale Bisconti Merendino - Palermo

Concordato per la ristrutturazione dei debiti delle piccole imprese

Le piccole imprese avranno a disposizione uno strumento in più per uscire dalla crisi: un concordato ad hoc che permetterà loro, se c’è l’accordo con i creditori, di addivenire ad una ristrutturazione del debito.

La nuova normativa si applicherà alle imprese in uno stato di perdurante squilibrio tra le obbligazioni assunte e il patrimonio liquidabile, a fronte della definitiva incapacità del debitore di adempiere regolarmente alle proprie obbligazioni.

In questi casi l’impresa può proporre un accordo di ristrutturazione sulla base di un piano che però assicuri il regolare pagamento dei creditori che non hanno sottoscritto l’accordo, compreso l’integrale pagamento dei titolari di crediti privilegiati. Il piano dovrà contenere nel dettaglio le scadenze e le modalità di pagamento, anche suddiviso per classi, le eventuali garanzie e le modalità per la liquidazione dei beni. Ammessa anche la possibilità di prevedere l’affidamento del patrimonio ad un fiduciario che ne curi tutte le fasi di liquidazione. Fra i requisiti per l’ammissione alla procedura anche il non avervi fatto ricorso nei tre anni precedenti.

Condivi su...Share on FacebookTweet about this on Twitter
Questa voce è stata pubblicata in Postille. Contrassegna il permalink.